Come controllare la qualità dei mari con Water Watch – Eye On Earth

E dopo il controllo della qualità dell’aria, ecco un altro utile servizio questa volta utile per il controllo per la qualità dei mari: si chiama Water Watch, è gratuito ed è (quasi) tutto a cura degli utenti che votano le varie spiaggie in cui si recano di giorno in giorno. La scala di valutazione a disposizione degli utenti è la seguente:

  • Verde – Su scala 1-3, la media è 2,5 o superiore;
  • Giallo – Su scala 1-3, la media è tra 1,5 e 2,5;
  • Rosso – Su scala 1-3, la media è inferiore a 1,5.

 E’ presente anche la scala di valutazione a cura dell’AEA, Agenzia Europea dell’Ambiente, ed è molto simile a quella già citata:

  • Verde – Acque di ottima o buona qualità;
  • Giallo – Zone in cui uno dei parametri analizzati presenta un valore superiore al valore imperativo;
  • Rosso – Qualità scadente;

Il vostro mare com’è? La litoranea tarantina non è affatto male

@EDIT 9/07/2009: e mica l’avevo letta, questa notizia

[techtags: Water Watch, mare, inquinamento]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *