Taranto, Ilva e diossina: ora anche nel latte materno

La notizia è di questi giorni, qui a Taranto cominciano seri allarmismi:

Una concentrazione di diossina e pcb (policlorobifenili) superiore di circa 25 volte la dose tollerabile giornaliera stabilita dall’Organizzazione mondiale della sanità è stata rilevata in tre campioni di latte materno di altrettante donne di Taranto. Le analisi sono state commissionate dall’associazione di volontariato «Bambini contro l’inquinamento», presieduta dal pediatra Giuseppe Merico. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Qualcuno mi dica cosa dobbiamo fare. Taranto tra qualche anno sarà una città fantasma

[techtags: città fantasma, Taranto, diossina, ILVA, latte materno]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *