Wind Day 20 e 21 Aprile 2017: a Taranto vietato vivere

Taranto, Annus Domini 2017, mese di Aprile, giorni 20 e 21. L'ARPA Puglia prevede e segnala due giorni di Wind Days:

Wind Days 20-21 04 2017

Per chi non lo sapesse, il termine Wind Day fa riferimento ad eventi meteorologici nei quali la velocità del vento supera determinati limiti e prende particolari direzioni. In occasione dei Wind Days a Taranto il vento  proviene dal settore NORD – OVEST. In queste condizioni il vento soffiando dall’area industriale disperde in alcuni quartieri della città (Tamburi e Paolo VI) inquinanti di origine industriale, in particolare PM10  e il benzo (a)pirene

La dispersione di questi inquinanti può determinare aumento del rischio a carico della salute dei cittadini di Taranto, in particolare per le persone che risiedono a ridosso dell’area industriale. Quindi tutte le volte che i modelli previsionali di ARPA Puglia segnaleranno, a causa delle condizioni metereologiche,  un possibile aumento del PM10 oltre la soglia dei 50ug/m3 saremo nella condizione di «WIND DAY».

In questi casi a titolo di massima precauzione nelle zone adiacenti all’area industriale le persone dovranno  osservare i consigli utili. (fonte Centro Salute Ambiente Puglia)

Avete cliccato su "consigli utili"? No? Beh, questa è la tabella che troverete, un elenco di raccomandazioni che gli abitanti dei quartieri Tamburi e Paolo VI di Taranto (ma anche i lavoratori della zona industriale) dovrebbero seguire:

Sostanzialmente è un "non vivete". E adesso applichiamolo alle scuole del quartiere. Cosa succede? Questo:

Il Dirigente Scolastico dell'Istituto Comprensivo Statale "Vico – De Carolis", nel cuore del Rione Tamburi, ha adottato un provvedimento secondo il quale:

  1. Sono sospese tutte le attività esterne degli alunni e del personale fino alle ore 12.00;
  2. Le finestre delle aule e degli uffici rimarranno chiuse fino alle ore 12.00.

Ditemi voi se questa è vita. Ditemi voi se possiamo continuare così, a tenere il MOSTRO in vita a suon di decreti e dover vivere da reclusi in casa, a scuola, o in azienda.

Perché se poi si vuole, potrei anche chiedervi se nel tragitto casa-scuola o casa-lavoro dobbiamo indossare tute spaziali o bombole di ossigeno da sommozzatori, per evitare di respirare l'aria inquinata. Perché alla fine di questo si tratta, no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *