1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
crazyhorse il 17 luglio 2015

no_techmania

Torno a scrivere dopo poco più di due anni (ahimé, forse è vero che i social network hanno ammazzato i blog…quantomeno quelli "amatoriali" come il mio, ma in ogni caso resisto!) per descrivervi quella che è stata la mia pessima esperienza con Techmania, portale italiano – l'azienda è di Battipaglia – di ecommerce per prodotti tecnologici.

Quella che segue è la cronistoria completa di quanto mi è successo e di come ho risolto il mio problema (tutto dimostrabile):

  • 31/03/2015 – Allettato dal prezzo più che conveniente rispetto ad altri siti online, acquisto uno smartphone LG G3 32GB con ordine nr. 10010144 e pagamento immediato tramite carta prepagata;
  • 01/04/2015 – Dopo aver letto recensioni negative, contatto Techmania per conoscere i tempi di spedizione e consegna. I tempi risultano incerti poiché i prodotti sono “in attesa di fornitura” nonostante siano “in magazzino” sul sito internet. Richiedo di poter ritirare il telefono presso il punto vendita – ho una cugina che abita a Battipaglia e che si è resa disponibile ad andare in negozio – e la mia richiesta è rigettata, di conseguenza richiedo tramite PEC la risoluzione dell’ordine e la restituzione della somma da me pagata.
  • 02/04/2015 – Formalizzo anche tramite raccomandata A/R la cancellazione dell’ordine. Techmania conferma la ricezione della PEC ed apre la pratica di rimborso.
  • 08/04/2015 – Richiedo un aggiornamento a Techmania.
  • 10/04/2015 – Techmania mi informa che la pratica è in gestione al reparto di competenza.
  • 15/04/2015 – Richiedo nuovamente informazioni, segnalando che i 15 gg. Descritti nella “Modalità di rimborso” sul loro sito sono trascorsi.
  • 16/04/2015 – Techmania conferma che la pratica è in gestione e che il rimborso avverrà entro i termini di legge.
  • 30/04/2015 – Richiedo informazioni segnalando che i termini di legge (D.Lgs. 21/2015 art. 56 comma 1) prevedono il rimborso entro 14 giorni. Techmania mi informa che il rimborso avverrà nella settimana dal 4 all’8 Maggio.
  • 11/05/2015 – Richiedo nuovamente il rimborso.
  • 12/05/2015 – Techmania mi conferma di aver provveduto ad evadere la mia richiesta di rimborso e mi informa che potrei dover aspettare alcuni giorni prima di visualizzarlo sul mio estratto conto.
  • 18/05/2015 – Richiedo il rimborso immediato della somma da me versata. Techmania conferma di aver evaso la mia pratica.
  • 21/05/2015 – Richiedo, anche a mezzo PEC, il rimborso tramite carta di credito o bonifico, inviando il mio IBAN.
  • 27/05/2015 – Techmania conferma il pagamento e mi chiede di contattare la mia banca per verifiche. Il supporto online mi conferma di non aver mai ricevuto richieste di accredito dell’importo da me versato, e Techmania non è in grado di inviarmi gli estremi del versamento da loro effettuato. Alla mia mail rispondono che confermano quanto già comunicatomi.
    28/05/2015 – Richiedo nuovamente gli estremi del pagamento.
  • 29/05/2015 – Techmania mi comunica che non hanno visibilità di un documento contabile perché ricevono conferma di avvenuto rimborso dal reparto amministrativo. Mi invitano quindi – e nuovamente – a verificare con la banca (inutile dire che la banca mi ha confermato di non aver ricevuto nulla).
  • 04/06/2015 – Invio formale messa in mora a Techmania tramite raccomandata A/R ed informo AGCM (che ha già multato Techmania per pratica scorretta).
  • 13/06/2015 – Techmania mi informa che, a causa di un “disallineamento del sistema”, il rimborso non è andato a buon fine. Mi “tranquillizzano” e confermano che il rimborso sarà effettuato nel giro di qualche giorno.
  • 16/06/2015 – Techmania mi invia un codice sconto di 10€ da utilizzare per acquisti sul loro sito.
  • 24/06/2015 – Richiedo nuovamente l’accredito della somma, tramite CC o bonifico. Techmania mi conferma il sollecito al reparto amministrativo.
  • 30/06/2015 – Ultimo tentativo: leggo la recensione online di Carmine su http://it.trustpilot.com (recensione del 17 Giugno 2015) e, avendo un conto sulla stessa banca (quella della zucca), scarico il modulo del Fast Claim dall’area riservata, lo compilo ed invio tramite fax al numero presente sul modulo stesso. 
  • 6/07/2015 – Scrivo nuovamente al Servizio Clienti, informandoli di aver contattato il mio legale. Techmania mi risponde, immediatamente, che hanno preso visione della mia comunicazione. A loro rispondo che voglio sapere quando avrò il mio rimborso, ma la risposta è sempre la stessa: la pratica è in gestione al reparto amministrativo e verrà gestita a breve.
  • 13/07/2015 – Incredibile ma vero: la procedura di Fast Claim, che è internazionale, gestita da VISA direttamente e quindi disponibile per tutte le banche, ha funzionato! Ho riavuto i miei soldi!

Purtroppo, stando a quanto si legge su siti come Trustpilot e ShoppingVerify, io sono solo uno dei pochi ad essere riuscito a riavere quanto avevo pagato, pur dovendo penare moltissimo.
Così come descritto qui, evidentemente Techmania non ha prodotti in magazzino e si affida ad un fornitore terzo (forse straniero, chissà), e questo gli permette di fare quelle super offerte che attirano gli utenti.

Spero che il mio racconto possa servire a chi, come me, è incappato in Techmania senza verificare prima (la cosa più bella è che per tutti i miei amici controllo, e l’unica volta che per me non l’ho fatto sono incorso in tutti i problemi già descritti) e, nel caso, affidarsi direttamente alla procedura di Fast Claim.

Tags: , ,