Il V-Day

D come D-Day e V come Vendetta (ma non solo :-)). Due giorni fa ho aderito al V-Day lanciato da Beppe Grillo: appoggiata dalla Corte dei Conti, è una iniziativa che ha come scopo quella di liquidare con un bel “Vaffa” tutta la classe politica italiana, e riprendere (noi) in mano il nostro paese. E tra l’altro Beppe Grillo ha, nei giorni scorsi, presentato in Cassazione una proposta di legge che prevede i seguenti punti:

1: Nessun cittadino può candidarsi se condannato in via definitiva o in attesa di giudizio.
2: Nessun cittadino italiano può essere eletto per più di due legislature. Regola valida retroattivamente.
3: I candidati devono essere votati dai cittadini con la preferenza diretta.

Anche se sarò ad un matrimonio, era impossibile non aderire. Fate girare, please ^!^